Archivi di persona

Carte Giuseppe Todeschini

Nel 1885 Maffeo Todeschini dona alla biblioteca Bertoliana 110 manoscritti letterari, giuridici e scientifici, 208 opere a stampa per complessivi 440 volumi appartenuti al fratello Giuseppe, membro della Deputazione della biblioteca dal 1859 fino alla morte nel 1869. A questo materiale, Maffeo aggiunge opere della biblioteca di famiglia, appartenute per lo più allo zio materno Bartolomeo Munari, che la Bertoliana non possedeva. Oltre alla Biblioteca, beneficia con il suo lascito il Museo Civico e l'Accademia Olimpica, adempiendo al desiderio del fratello Giuseppe, uomo di legge come lo zio Bartolomeo. Le carte Todeschini sono costituite da una busta di materiale relativo alla sua attività professionale di avvocato e docente.